un Designer
esperto in mobilità
storico dei trasporti Milanesi

Designer, tecnico trasportistico e scrittore!

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/paolo.pagnoni.7?ref=br_rs

Paolo Pagnoni a 31 anni in ufficio con alle spalle il tecnigrafofrutto di tante fatiche e lavori di design e progettazione.
Paolo Pagnoni a 31 anni in ufficio con alle spalle il tecnigrafo, frutto di tanti lavori di progetti di architettura e design. Alla parete due foto personali veramente particolari nel campo ferroviario, dove ho avuto anche il riconoscimento di un primo premio fotografico a soggetto ferroviario in campo nazionale nel 1989. (autoscatto)

Dopo il Master conseguito allo IED – Università di Milano: l’attività di Designer da me fatta negli anni mi ha portato alla realizzazione di molti soggetti costruttivi, disegni di architettura di esterni ed interni, e varie applicazioni nel campo del disegno non solo trasportistico.

Vista prospettica per il rifacimento di una vecchia casa colonica, prima proposta al cliente per una realizzazione di casa bifamigliare a costi contenuti: sopra l'appartamento per il figlio e la sua famiglia e sotto l'appartamento dei genitori, rispettando così le due privacy famigliari ma vivendo praticamente insieme. Perché i genitori sotto e non il figlio, semplice qunado si incomincia a diventare anziani ricordatevi che se non c'è l'ascensore le scale diventano un problema.
Vista prospettica per il rifacimento di una vecchia casa colonica, prima proposta al cliente per una realizzazione di casa bifamiliare a costi contenuti: sopra l’appartamento per il figlio e la sua famiglia e sotto l’appartamento dei genitori, rispettando così le due privacy famigliari ma vivendo praticamente insieme. Perché i genitori sotto e non il figlio, semplice quando si incomincia a diventare anziani ricordatevi che se non c’è l’ascensore e le scale diventano un problema.
Seconda proposta di ristrutturazione, senza dubbio meno stile popolare della prima, ma più costosa. (Entrambi questi disegni sono stati fatti a mano sul tecnigrafo di una volta e che conservo tutt'ora)
Seconda proposta di ristrutturazione, senza dubbio meno stile popolare della prima, ma più costosa. (Entrambi questi disegni sono stati fatti a mano sul tecnigrafo di una volta – vedi foto in alto – e che conservo tutt’ora)
Prposta per il nuovo ingresso del futuro museo dei tram ATM.
Proposta per il nuovo ingresso del futuro museo dei tram ATM. (Disegno fatto al computer)
Proposta di nuova linea tranviaria storica presentata a suo tempo agli Stati Generali di Expo. Questa Giunta non ha rimesso in esercizio la storica circonvallazione 29/30, ma ha aggiunto la linea 10. Per questo motivo se il progetto dovrebbe riprendere vigore, visto il tram turistico messo in atto dopo EXPO da ATM, si dovrà cambiare numero e ridefinire il percorso, dato che nel frattempo sono avvenuti dei cambiamenti.
Proposta di nuova linea tranviaria storica presentata a suo tempo agli Stati Generali di Expo. 
Questa è la tecnica del disegno "puntiforme", rigorosamente anche oggi fatta pazientemente a mano libera.
Questa è la tecnica del disegno “puntiforme”, rigorosamente anche oggi deve essere fatta pazientemente a mano libera con la penna ad inchiostro a pennino originale o con i vari “rapidograph”, il tutto in china nera, o pennarello sempre a china nera ma con punte regolabili in dimensioni. (lavoro di studio fatto allo IED con penna originale a pennino che conservo tutt’ora)
Realizzazione di un poster., sempre disegnato a mano libera, con china nera e carboncino, da me realizzato per un dono di nozze ad una coppia di Amici. Sui fari è stata posta una speciale vernicetta fluorescente che fa intravedere di notte solo tre lucine gialle.
Realizzazione di un poster, sempre disegnato a mano libera, con penna a china nera e carboncino, (solo il rosso a pennarello) da me realizzato per un dono di nozze ad una coppia di Amici.   Sui fari è stata posta una speciale vernicetta fluorescente che fa intravedere di notte solo tre lucine gialle.
Realizzazione ad acquarello su cartoncino, per il biglietto degli Auguri di Natale dell'ACT.
Realizzazione ad acquarello su cartoncino, per il biglietto degli Auguri di Natale dell’ACT.
Disegno a pennarelli per un logo di un tram tematico ACT, il "Tram del Vino Novello".
Disegno a pennarelli per un logo di un tram tematico ACT, il “Tram del Vino Novello”.

Non solo Designer ma anche cultore dei trasporti

La partecipazione a mostre e convegni con temi specifici sui trasporti ai quali ho partecipato da diversi anni a questa parte mi hanno arricchito e stimolato ad andare sempre avanti alla ricerca di nuove iniziative nel campo dei trasporti pubblici, sia presentando progetti, sia seguendo lavori e cantierizzazioni.

Una rassegna molto importante che si svole a Milano ogni anno è il mobilitytech a cui partecipo costantemente anche con interventi diretti e tavole rotonde.
Una rassegna molto importante che si svolge a Milano ogni anno è il “mobilitytech” a cui partecipo costantemente anche con interventi diretti e tavole rotonde. Nella foto mi vedete a destra mentre sto presentando nell’aula magna del Palazzo dei Giureconsulti il mio intervento su Tram e Turismo. ( foto di Cristian Morizzi per ACT)
alcune Associazioni organizzano serate a tema, ecco un mio intervento al Bobino club sulla cronistoria dei tarm milanesi.
Delle Associazioni organizzano serate a tema, ecco un mio intervento al Bobino Club in una serata interamente dedicata alla storia dei tram milanesi. (foto ACT)
anche vari Comuni dell'hinterland Milanese fanno
Vari Comuni e città dell’hinterland Milanese organizzano convegni e proposte sui trasporti, a cui vogliono allegare la storia del passato sui trasporti nei loro luoghi. Esempio a Magenta dove arrivava il famoso “gambadelegn” e che mi ha visto protagonista nella presentazione della storia della linea tranviaria a vapore      Milano-Magenta.

Le edizioni dell’Expo Model di Novegro, sono una vetrina per l’ACT non solo per far divertire i bambini ma per portare a conoscenza di tutti i trasporti pubblici, in particolare i Tram.

Inoltre nel mio curriculae editoriale ci sono studi e pubblicazioni sui trasporti fatti anche per la Regione Lombardia, per il CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani) e per la rivista Mondo Ferroviario. Insieme agli articoli vi sono dei libri dove oltre ad averne curato l’impaginazione, ho fatto le foto e curato la stampa in prima persona, questi volumi e fascicoli contengono anche numerosi miei scritti sulla mobilità locale interessata dai sopralluoghi fatti.

In questo volume trova particolare posto uno studio sulla utilizzazione, di quando sarà dismessa la linea ferroviaria San Cristoforo Porta Genova, per inoltrare la linea 14 in modo da velocizzarla il più possibile e raggiungere la M2 a porta Genova dove avrà un interscambio diretto, mentre ora è abbastanza distante.
In questo volume trova particolare posto uno studio sulla utilizzazione, – quando sarà dismessa la linea ferroviaria San Cristoforo Porta Genova, – per inoltrare la linea 14 in modo da velocizzarla il più possibile e raggiungere direttamente la M2 a porta Genova dove avrà un interscambio diretto, mentre ora è abbastanza distante. Al riguardo vedi foto di copertina..
La Regione Lombardia è particolarmente interessata ai monitoraggi fatti da noi vlontari delel Associazioni di Consumatori, anche in questo caso c'è un mio inserimento importante nel lavoro svolto sia in prima persona nei monitoraggi sia sull'edizione del volumetto, comprese sempre alcune mie foto come quella di copertina.
La Regione Lombardia è particolarmente interessata ai monitoraggi fatti da noi volontari delle Associazioni di Consumatori, anche in questo fascicolo c’è un mio inserimento importante nel lavoro svolto sia in prima persona nei monitoraggi, sia sull’edizione dello stesso, comprese sempre alcune mie foto come quella di copertina.

Sempre nel mio curriculae editoriale come detto si possono trovare numerose monografie tematiche sui trasporti, tra questi l’unico libro quadrilingue della storia dei trasporti milanesi dalla loro nascita fino al 1926: “Binari a Milano” dal 1874 al 1926.

Binari-a-milano-quadrilingu

Inoltre molte monografie parlano dei tipi di vetture che fanno tutt’ora od hanno fatto servizio presso l’ATM. Sono monografie tematiche dove contengono, sia la storia, sia la tecnica con la quale sono state realizzate le vetture tranviarie trattate nel testo. A compendio dei testi vi sono numerose fotografie tra le quali molte inedite a colori ed i disegni tecnici.

 

L’ultima mia fatica editoriale del 2015 è stata: “Binari a Varese” (Tram dal 1835 al 1953), ma che comprende anche degli accenni storici alle ferrovie che raggiungevano il capoluogo varesino, (lo sapevate che Varese detiene il primato della prima galleria ferroviaria cittadina costruita in Italia?). Libro che ha riscosso un ottimo successo visto che la prima edizione è stata completamente esaurita e si dovrà procedere ora ad una ristampa.

copertina-libro-varese

Non solo Designer e cultore dei trasporti, ma anche scrittore

Il mio primo libro non ferroviario “i racconti di mio fratello”

Paolo Pagnoni attraverso
Paolo Pagnoni attraverso                  “i racconti di mio fratello”                ci serve su un piatto d’argento una serie di brevi racconti che parlano della vita, ordinaria e straordinaria, come un osservatore del mondo che scruta dal buco della serratura le storie di tanti personaggi, afferrando e codificando i pensieri più profondi, gli stati d’animo, i comportamenti, i perché. Con una punta di sarcasmo e con una vena descrittiva puntuale e sagace, l’Autore riesce a mostraci tutte le sfumature e le combinazioni possibili, come immagi10ni caleidoscopiche, proponendo a volte diverse soluzioni alternative per una storia, mettendo in evidenza il fatto che basta un piccolo particolare a cambiare le sorti di una vicenda e capovolgere la faccia della medaglia.                   “Il mondo è bello perché è vario”   ci insegna la cultura popolare, ma è anche crudele e menzognero, e ce ne accorgeremo leggendo queste pagine, pregne di realtà e oggettività.